3753 visitatori in 24 ore
 198 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro



Giacomo Scimonelli

Giacomo Scimonelli

Sono nato il 15 giugno 1971 a Saronno in provincia di Varese e dall’età di 13 anni vivo a Caltagirone in provincia di Catania. Sono educatore presso una comunità di minori da più di vent’anni e amo il mio lavoro. Ho due figli che adoro.
Scrivere mi aiuta a sentirmi meglio quando la tristezza mi ... (continua)


La sua poesia preferita:
Pensier d’oblio
Infinito invisibile

dal tremolio di un sospiro
nasce e si colora
pensier d’oblio

naviga ondeggiando
nel passato...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Cercherò il mio posto
Il cielo piange

nemmeno lui
vuole accarezzare
la mia anima in pena

non vuol perdere tempo
con chi si rassegna.

Ha ragione...
ma oggi la nebbia m’incatena
non riesco ad attraversare i rovi
a difendermi dalle spine che mi straziano

il...  leggi...

L’ Intruso
Abbraccia il mar la collina
distesa verde azzurra
tra cielo terso
e acqua cristallina.

Sull’incantevole paesaggio
lo sguardo mio si posa
s’acquieta
insegue tenero connubio
ma non trova le parole...
-coscienza smembrata non ha voce-

Brandelli...  leggi...

Lingue a sonagli
Lingue velenose
Immergendosi
Negli abissi
Glaciali dell’anima
Urtano l’altrui sentire
Eccedendo nel lessico

Variopinte offese
Elegantemente mascherate
Lusingano con celata falsità
Estendendosi
Nei meandri malefici della mente
Ostruendo il...  leggi...

Il mio dolore
Lacrime insistenti mi schiaffeggiano
incolpevoli e silenti chiedon spazio
non indietreggiano
non possono
son figlie del mio sentire
del mio perenne disagio

emozioni e sofferenze
che mai nessuno potrà capire
le mie debolezze
il dolore che ha...  leggi...

Inciampa il verso
Inciampa il verso
libero e vellutato

senza compromessi
vibra e volteggia

senza sospirar
il destino accetta
lo colora ed inventa

involucro chiuso
non rispetta la regola

arieggia lacrimando
solfeggia traballando
nella strofa si...  leggi...

Rido, piango e vivo
Rido
piango e vivo
senza ragione
senza apparente motivo...

sospiri innati
ricamano tormenti

incanti improvvisi
solfeggiano gli istanti

lacrime non volute
sorrisi accennati
scorrono inesorabili

inondano il giorno che nasce
si confondono...  leggi...

Il mio canto stonato
Silenzio intorno

tutto tace

nessun clamore
nessun conforto

incido pianti
verseggio il dolore
versi semplici
figli del mio cuore...

rima baciata
nell'assonanza trova ristoro

plumbeo sospiro ricamato
cerca...  leggi...

Ho fallito
Testa china
ennesimo risalire lungo la via...

strada soffocante e stretta
tra deviazioni improvvise
che non lasciano scelta

bocca asciutta e lacrime in tasca
pianti da nascondere
sorrisi pronti all’uso

maschere usa e getta
sentenze...  leggi...

Giacomo Scimonelli

Giacomo Scimonelli
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Pensier d’oblio (15/05/2012)

La prima poesia pubblicata:
 
Anima sola (19/01/2011)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Addomestico sorrisi (16/02/2019)

Giacomo Scimonelli vi consiglia:
 Indossa le mie mani (02/02/2018)
 È lu destinu ca cumanna (20/04/2018)
 Cercherò il mio posto (11/04/2018)
 Il mio dolore (04/01/2013)
 I picciriddi nun si toccanu (08/02/2019)

La poesia più letta:
 
Piacere reciproco (27/04/2012, 10643 letture)

Giacomo Scimonelli ha 9 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Giacomo Scimonelli!

Leggi i 11019 commenti di Giacomo Scimonelli

Le raccolte di poesie di Giacomo Scimonelli

Giacomo Scimonelli su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 12/03/2018 al 18/03/2018.
 settimana dal 20/03/2017 al 26/03/2017.
 settimana dal 16/05/2016 al 22/05/2016.
 settimana dal 08/06/2015 al 14/06/2015.
 settimana dal 26/11/2012 al 02/12/2012.
 settimana dal 18/06/2012 al 24/06/2012.
 settimana dal 23/01/2012 al 29/01/2012.

Autore del mese
 il mese 01/09/2016

Giacomo Scimonelli
ti consiglia questi autori:
 Anna Rossi
 Anna Di Principe
 Sara Acireale
 Antonio Biancolillo
 Ela Gentile

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Giacomo Scimonelli? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Giacomo Scimonelli in rete:
Invia un messaggio privato a Giacomo Scimonelli.


Giacomo Scimonelli pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

I decaduti

Tra i più significativi scrittori russi, Gorkij (in russo la parola che egli scelse come pseudonimo vuol dire (leggi...)
€ 0,99


Giacomo Scimonelli

Guerre maledette

Riflessioni
Dentro la culla
al sicuro dal freddo
l’innocente vive
inconsapevole e felice

lontano dal male
cullato da dolcissime parole
respira solo amore

sfiorato da petali profumati
senza maschere ed inganni
si tuffa tra le braccia del sorriso

si nutre e cresce
nel caldo nido accogliente
dove magico momento
diventerà ricordo tenero ed intenso.

Dentro la culla
non esiste paura
e le intemperie della vita
non corrompono i sogni...

perché impedire notti serene
perché spegnere la luce
basta bombe
basta cattiverie
senza colpa non si può morire

ogni bambino deve gioire
desiderare senza sospirare
giocare e sorridere

basta guerre
basta uccidere...


Giacomo Scimonelli 28/12/2016 00:07| 22| 1272


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Giovanni Ghione - Sara Acireale - carla composto - Melina Licata - Marisol58 - Paola Galli
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«La stupidità dell’uomo è evidente quando uccide e soffoca altri uomini... quando arreca sofferenza a bambini indifesi. A che serve la guerra? Tutti devono vivere serenamente e nessuno può stravolgere il destino dei propri simili con bombe e conflitti... I bambini che oggi soffrono domani probabilmente vorranno vendicarsi e le guerre non avranno mai fine...»


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Basta guerre, basta sofferenze... lasciamo i sorrisi sul viso dei bambini e non il terrore. Il poeta affronta una tematica importante, i suoi versi sembrano una preghiera a un mondo che non ascolta. Ottimo lavoro.»
Club ScriverePagu (28/12/2016) Modifica questo commento

«L'innocenza da una parte, odio e violenza dall'altra questo è il mondo. Purtroppo la Pace sembra una chimera. Giuste e condivise riflessioni del Sensibile Autore per cuori e menti che non ascoltano!»
Club ScrivereGiovanni Ghione (28/12/2016) Modifica questo commento

«Basta uccidere! Riflessioni incisive, apprezzate e condivise sulle continue guerre che s'incrociano su questo pianeta e sempre per la cattiveria umana che stampa il terrore sul viso di tanti poveri innocenti, ne cancella il sorriso e il più delle volte anche la vita. Non c'è limite, non c'è tregua, non c'è vita, e l'autore fa sentire la sua voce perché smettano i conflitti fra Nazioni, che le bombe non facciano più vittime e che il sorriso vesta ancora il volto dei bimbi. Condivido le riflessioni dell'autore e mi complimento...»
Club ScrivereEla Gentile (28/12/2016) Modifica questo commento

«Questo è un periodo storicamente difficile e inquietante. Troppe guerre e violenze in tutto il mondo, senza contare che ci sono i terroristi che assillano il pianeta. Basta guerre e violenze, la gente vuol vivere in pace. Ottimo testo.»
Umberto De Vita (28/12/2016) Modifica questo commento

«Condivido tutto, anche la nota. I bambini che oggi soffrono per guerre fratricide, vorranno poi vendicarsi quando saranno adulti magari diventando terroristi e la violenza non avrà mai fine... Anch'io mi unisco al grido del Poeta "BASTA GUERRE", basta dolore, sofferenza e morte. Purtroppo, fino a quando esisteranno le armi ci saranno sempre guerre e molte persone perderanno la vita, anche piccoli angeli innocenti.»
Club ScrivereSara Acireale (28/12/2016) Modifica questo commento

«In tempi che si dichiarano "evoluti" ancora esistono forti diversità
fra gente fortunata, che vive tranquilla, e persone soggette a crudeli
atrocità, che nessuno cerca di mettere a tacere.
Versi condivisi e apprezzati»
Club ScrivereSilvia De Angelis (28/12/2016) Modifica questo commento

«condivido questa poesia, una denuncia alla gueraa un togliere la serenità l'amore la speranza a tanti bambini che non hanno colpa per ciò che accade... intensa la nota che mi é arrivata al cuore sempre versi importanti opere di rilievo
il mio elogio al valente poeta»
Club Scriverecarla composto (28/12/2016) Modifica questo commento

«"Ogni bambino deve gioire... basta guerre..." Il sensibile autore dice cose giustissime! Peccato che ci siano le menti che fabbricano l'odio e di conseguenza vengono fabbricate le armi... L'intervento dell'uomo, per porvi rimedio, per ora resta un sogno. Ci vorrebbe l'intervento di Chi ha creato l'uomo... Il tema è molto profondo come il cuore buono del poeta!!! Molto apprezzata!!!»
Maria Fiorella Corazza (28/12/2016) Modifica questo commento

«Guerre maledette che mietono vittime innocenti, che uccidono i sogni e la pace di bambini privati dalle loro culle e dai loro sorrisi...
Basta uccidere... creare futuri uomini che torneranno ad armarsi, carichi d'odio e rancore verso un altro popolo...
Proprio come un moto perpetuo, le guerre non finiranno mai...
Una riflessione incisiva e condivisa pienamente...»
Club ScrivereMelina Licata (28/12/2016) Modifica questo commento

«Nella stanza dei bottoni stupidi uomini cresciuti nell'egocentrismo con una fame insaziabile di potere, giocano decidendo della vita e morte di migliaia di altri esseri umani, sulla vita di quei bambini che non conoscono le paure del mondo... tutti coinvolti loro malgrado, nel gioco perverso, di pochi viziati. Se perdono, piangono come si piangeva noi quando avevamo l'età per disperarci per un gioco rotto, un'ora di tragedia e poi tutto si dissolveva e ricominciava il gioco, un'altra sfida. Lirica amara, non poteva esser altrimenti, focalizza l'assurdità del gioco più crudele. Versi che toccano profondamente l'anima e mettono in evidenza, in modo sublime, un grande problema sociale, un grido di dolore che riesce ad andare oltre le parole...»
Club ScrivereAntonio Biancolillo (28/12/2016) Modifica questo commento

«La guerra è sempre stata un'inutile strage è distruzione, morte, non risolve i problemi, ma li amplifica, nessuna guerra è giusta, se poi si annientano civili innocenti, donne e bambini, diventa spietata, in ogni caso è da condannare. La lirica affronta, con versi efficaci, questa tematica purtroppo sempre attuale e drammatica.»
Diana Blancato (28/12/2016) Modifica questo commento

«Ho scoperto questo grande autore, che oltre la capacità di unire temi e parole ha, ha la capacità ed anche estetica. Il tema toccato coinvolge tutti, perché le guerre ormai non sono più conflitti locali o regionali, come succedeva una volta c'erano due superpotenze, che controllavano i propri alleati e quest'ultimi dovevano sottostare, per amore o per forza, ai diktat ed ai disegni di Russi ed Americani, altrimenti avrebbero preso legnate. Ma purtroppo l'uomo antropologicamente ha fatto sempre guerre inutili, solo per menare le mani o incrociare spade. Ma oggi però il gioco di dio marte, è diventato pericoloso perché sangue chiama sangue. La razza umana è distruttiva ed è destinata ad estinguersi presto.»
Giuseppe Vullo (28/12/2016) Modifica questo commento

«Il titolo dice tutto... spesso sono i più innocenti che patiscono di queste guerre inutili, mavalgie. La culla dell'innocenza deve essere lasciata in pace, ma purtroppo le cose non vanno avanti in tal modo. Da questa poesia s'innalza un urlo, un'accorata supplica rivolto all'umano: cessare le distruzioni, le guerre sterili, l'odio e le vendette. Un gran testo, assomiglia ad un "pianto".»
Club ScrivereJosiane Addis (28/12/2016) Modifica questo commento

«Grande spazio a un tema che accomuna e divide i cuori... la guerra e la stupidità degli uomini...
Bella in ogni sua parte»
Club ScrivereRosita Bottigliero (28/12/2016) Modifica questo commento

«Basta guerre! Basta uccidere! Un accorato grido in questi bellissimi versi che ogni essere umano dovrebbe fare propri. Quanto sangue innocente versato nel nome di queste guerre che non portano a niente se non alla distruzione dell'essere umano stesso. Bellissima poesia.»
Marisol58 (28/12/2016) Modifica questo commento

«Versi molto diretti e di grande impatto emotivo, la stoltezza dell'uomo avrà mai fine? Ogni guerra prepara le basi per un'altra guerra e quelli che soffrono di più sono le creature innocenti che ancora non odiano nessuno. Il nostro futuro, i nostri figli...»
Club ScrivereLina Sirianni (29/12/2016) Modifica questo commento

«Questi versi mi rammentano una poesia del grande Salvatore Quasimodo, siciliano come il nostro autore. "Sei ancora quello della pietra e della fionda... uomo del mio tempo". La cattiveria umana è un veleno che si espande all'infinito... per secoli... Questa poesia è quasi una supplica, una preghiera alla non violenza... basta vittime innocenti, guerre... un circolo vizioso che non ha fine e a pagare sono quelle persone che non hanno voluto questi orrori e che muoiono per la stupidità di chi sta ai vertici e vive solo per il potere.»
Club ScrivereRosanna Peruzzi (29/12/2016) Modifica questo commento

«La sciocca follia dell'uomo travolge vittime innocenti, bambini privati dell'infanzia e della gioia di vivere. Realtà tristemente vera, versi profondi.»
Club ScrivereFranca Mugittu (29/12/2016) Modifica questo commento

«Versi che scorrono da un'anima piena di dolore, rabbia, per tutti questi massacri inutili. Per questo terrorismo che non porta a niente. Quando si è bambini si è innocenti, scrive l'autore, si è "al sicuro dal freddo", al sicuro da ignobili comportamenti, al sicuro da cattiverie e inganni. Poi... succede l'irreparabile e quest'innocenza viene addestrata al male! Un grido di dolore permea, quindi, questi versi, dove ci si chiede il perché di tutto questo, il perché delle guerre, il perché di queste morti innocenti. Forte il finale... determinato il messaggio.»
Club ScrivereRita Minniti (01/01/2017) Modifica questo commento

«sono versi intensi e profondi che fanno riflettere sul male che ci sovrasta, sulla stupidità dell'uomo che non sa e non riesce a gioire del miracolo della vita, ma che per assurdi scopi invece la distrugge incurante del bene degli altri e del dolore.»
Club ScriverePaola Galli (03/01/2017) Modifica questo commento

«La realtà cruda e brutale della guerra non dovrebbe toccare alcun uomo e soprattutto i bambini, essi meritano pace, tranquillità e tanto amore. Non esiste il maledetto odio nel loro mondo, rispettiamolo, lasciamoli giocare felici con tutto il loro candore, con tutto il loro splendore. Che si fermi quella mano, basta inutili guerre, basta dannoso egoismo umano. E' emozionante leggere questi bei versi così ben descritti sapendo che raccontano una triste realtà purtroppo ancora vissuta.»
Club ScrivereAngela Schembri (04/01/2017) Modifica questo commento

«La guerra uccide la dignità dell'uomo.
Distrugge oltre ogni sentire, é inganno e dolore
in un testo lucido e coerente.
Il mio elogio»
Eolo (29/01/2017) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it